Tabelle pubblicitarie ovunque, lo scandalo continua

SAM_1749CASERTA – Non accenna a spegnersi lo scandalo delle “tabelle parapedonali” installate in ogni angolo di Caserta, chissà quanto autorizzate come per legge. Per queste tabelle non serve solo un semplice titolo autorizzatorio del Settore Commercio del Comune, diretto politicamente dall’assessore Emilio Caterino e amministrativamente dall’ingegnere Franco Biondi. O meglio, esso necessita di una completa procedura che verifica, tra le altre cose, anche l’osservanza piena delle norme del Codice della Strada. Quindi, anche di un controllo preventivo degli agenti guidati dal comandante Alberto Negro. E sicuramente anche successivo, visto che in città prolifera da anni il fenomeno dei 6×3 abusivi, che hanno invaso specialmente le immediate periferie del capoluogo.

Dalla fine dell’anno 2012, in città è stato caos pieno.  Al momento, nonostante varie prese di posizione di alcuni consiglieri comunali, un silenzio “assordante” ha avvolto questa vicenda. Quali sono le aziende che operano in questo settore? Sono di Caserta o intrattengono stretti rapporti con operatori dell’entroterra aversano? Tutte le leggi sono state rispettate da chi le ha installate? E la Publiservizi che incassa le relative tariffe, ne è al corrente? Il Comune sta ottenendo o no un vantaggio economico, su queste iniziative?

Domande senza risposte, finora. Su tutta questa storia c’è anche il silenzio dell’assessore alle Finanze Nello Spirito, solitamente attento a tutti i rivoli delle dispersioni economiche di cassa del Comune guidato da Pio Del Gaudio.

 

Tags: , ,

 
 

About the author

More posts by

 

 

 

Add a comment

required

required

optional