INTERDITTIVA A IAVAZZI, IL PREFETTO BYPASSA IL TAR E METTE SOTTO SCACCO LE AZIENDE

iavInterdittiva antimafia e gestione controllata delle società Iavazzi: la prefettura di Caserta «blocca» la sentenza del Tar e, con un nuovo atto, integra il precedente documento emesso nei confronti delle aziende della famiglia del patron della Juvecaserta. I tre commissari nominati dal prefetto gestiranno tutti gli appalti pubblici di cui la Iavazzi Ecologia e la Impresud sono titolari: si tratta di una sorta di integrazione al documento emesso nelle settimane scorse. Il primo atto prevedeva che la triade commissariale gestisse solo i Comuni che avevano revocato l’appalto in seguito all’esclusione delle società dalla white list; vinto il ricorso, tale gestione tornava ad essere diretta competenza dell’azienda in quanto il Tar ha emesso nel merito due sospensive. Nel tardo pomeriggio di ieri, il colpo di scena: con il nuovo atto, frutto evidentemente di elementi integrativi, la prefettura di Caserta estende le competenze dei commissari alle commesse degli enti locali che avevano estromesso le ditte Iavazzi dal servizio di ecologia. In sintesi, l’azione della prefettura «annulla» la sentenza del tribunale amministrativo regionale e, ha fatto sapere Raffaele Iavazzi, «questa volta non ci sarà ricorso». «Sono sfiduciato e non intendo investire altro denaro in impugnazioni – ha dichiarato – In accordo con mio fratello, abbiamo deciso di lasciar perdere: questa volta non ci appelleremo al Tar. Siamo vittime di un accanimento di tipo personale e mi auguro solo che quando tutta questa storia sarà finita, le nostre aziende ci vengano restituite in salute». Allo stato attuale, le ditte, il cui valore è stimato in svariate decine di milioni di euro ed hanno alle proprie dipendenze 220 persone, vantano un credito superiore ai dieci milioni nei confronti degli enti locali (trentadu comuni, compresa Caserta).
(ilmattino.it)

iav

 

Tags: , , ,

 
 

About the author

More posts by

 

 

 

Add a comment

required

required

optional