ATTACCO A FELICORI: “MARKETTE ALLA REGGIA DI CASERTA”

felTomaso Montanari, storico dell'arte e docente universitario a Napoli, collaboratore del Fatto Quotidiano e del Corriere del Mezzogiorno, ora anche blogger di Repubblica, attacca violentemente il direttore della Reggia di Caserta, Mauro Felicori. Avversato dai renziani tanto da essere allontanato dal Corriere Fiorentino per il suo libro Le pietre e il popolo, "dedicato in parte all’uso del patrimonio culturale come arma di distrazione di massa da parte di Matteo Renzi" che lo "ha messo fuori «dalla linea del giornale»". "Pazienza – dice – : mi sono consolato col premio Giorgio Bassani di Italia Nostra per il giornalismo culturale, e con la coccarda di Commendatore, assegnatami – dopo la denuncia del saccheggio della biblioteca napoletana dei Girolamini – dal Presidente della Repubblica, «per l’impegno a difesa del nostro patrimonio».

"L'eroe di Caserta, l'osannato direttore Mauro Felicori, campione di Dario Franceschini, orgoglio di Matteo Renzi e terrore dei sindacati e dei gufi tutti – scrive Montanari sul suo blog Articolo 9 di Repubblica –  ha annunciato oggi alla Stampa: «Voglio far nuotare Federica Pellegrini nella Reggia di Caserta». Perché no? È la dottrina Franceschini, la via maestra per valorizzare il patrimonio: come fare un quagliodromo nella cupola del Pantheon, un'arena al Colosseo, una parete per climbing sulla Torre di Pisa e una sala da banchetti a Ponte Vecchio. E perché no? «E poi bisogna aprire, diventare popolari», ha spiegato Felicori. E siccome il popolo vuole essere intrattenuto, il patrimonio ha da diventare la splendida cornice, anzi l'esclusiva location, per ogni evento possibile".

"Un capolavoro – conclude Montanari – : una concezione precostituzionale sia del popolo che del patrimonio. E il risultato è la «ricreazione dei padroni» (Don Milani) al tempo del marketing del patrimonio. Anzi, del marketting".

fel

 

Tags: , , , , , ,

 
 

About the author

More posts by

 

 

 

Add a comment

required

required

optional